venerdì 27 maggio 2016

E l'ecologia?

Sapete cosa? Tutti dicono che in Italia facciamo poca scienza a scuola, poca biologia, poca chimica e così via. MAI ho visto qualcuno citare l'ECOLOGIA. E l'ecosistema. E i microecosistemi. E i rapporti tra le specie (mutualismo commensalismo parassitosi ecc...)
SE TUTTI AVESSIMO IMPARATO COME FUNZIONA L'EQUILIBRIO, anziché dire "madre Terra" o Equilibrio come se fosse religione, ci sarebbero molto meno discussioni su cos'è giusto e fattibile per gli animali e per l'uomo.
[Cate Simonsen]

mercoledì 25 maggio 2016

La birra che non inquina


Una azienda produttrice di birra, con sede in Florida ha appena brevettato un nuovo materiale per le proprie confezioni di lattine.
Grazie a questo nuovo brevetto le confezioni che finiranno nei mari non risulteranno inquinanti e pericolose per gli animali abitanti la zona: sono infatti prodotte in un materiale non solo completamente biodegradabile e compostabile, quanto anche edibile al 100%.
Fonte: BioPills
leggi l'articolo completo.

martedì 24 maggio 2016

Pokémon Shuffle Guide


Avete iniziato a giocare da poco? O siete bloccati da tanto su un particolare livello? Avete bisogno di più S per sbloccare gli Extra? Allora potrà esservi molto utile questa Guida a Pokémon Shuffle (in inglese), costantemente aggiornata e così organizzata: 
  • la lista dei Pokémon è suddivisa in base alle zone di cattura;
  • vengono indicati quanti punti-danno e quante mosse bisogna fare per sconfiggere i propri avversari;
  • di che tipo sono i Pokémon;
  • vengono specificate le percentuali di cattura;
  • è presente lo screen di inizio partita;
  • specifica il tipo di intralci (se ce ne sono);
  • quanti Pokémon possono essere usati e quali è meglio usare;
  • consigli sulla strategia da adottare e come avere il rank S.
La guida non è mia e il link è stato postato da un utente nel gruppo Pokémon Shuffle Italy.
Buona fortuna e buon game!

giovedì 19 maggio 2016

Meglio il barista sotto casa che il principe azzurro


Da quando sono nato a oggi credo di aver sentito circa 120, 130 volte le mie amiche pronunciare la frase: «Quanto vorrei incontrare un principe azzurro». Io gli presentavo tabaccai, idraulici, pompieri, barbieri, sceneggiatori, fotografi e le ragazze invece volevano per forza il principe azzurro. Ho sempre pensato che questo derivasse dal fatto che loro, un vero principe, di qualunque colore, fosse anche Eddie Murphy, non lo avessero mai incontrato. I principi azzurri, infatti, non sono meravigliosi come si crede: due linguiste americane, Carmen Fought e Karen Eisenhauer, si sono prese la briga di analizzarli in tutti i film della Disney, da Biancaneve a Mulan. Con una pazienza giobbica, hanno calcolato quanti minuti i principi parlino rispetto alle principesse. Quello che ne è emerso è che sono egocentrici, logorroici e maschilisti. La situazione non è migliorata nei decenni, anzi: se in Biancaneve e i sette nani (1937) gli uomini e le donne si dividevano le battute al 50%, in Aladdin (1992) il futuro principe parlava per il 90% del tempo, oscurando la principessa Jasmine. Alla Sirenetta - che pure doveva essere un modello di donna indipendente - non va meglio: Ariel diventa addirittura muta e fa totalizzare al principe Eric il 68% dei dialoghi. Ora, se tutte hanno la stessa voglia di chiacchierare delle donne che conosco io (tantissima), siamo sicuri che il principe azzurro sia l'uomo da sognare? Piuttosto: il mio migliore amico è single. Alto, spiritoso, sa ascoltare, legge molti libri, fa l'archeologo e soprattutto... l'azzurro gli fa schifo! Se interessate, scrivete alla redazione.
[Di Roberto Moliterni, nella rubrica Nella testa di lui su Donna Moderna n. 21 del 2016]

domenica 15 maggio 2016

Antivaccinisti alla GAM? No, grazie! #‎VacciniAmoLaCultura‬

Diffondo con molto piacere l'appello lanciato da No alle pseudoscienze:

Appello per tutti!
Il nostro caro Mad Master ci (e vi) invita a diffondere questo messaggio.
É inammissibile che una realtà culturale come quella di un museo (in questo caso la GAM di Torino) ospiti un seminario dalle premesse così antiscientifiche e pericolose.
Se siete creatori di contenuti web (e non), se avete una pagina o un blog che tratta di questi argomenti appoggiate questo appello allegando l'hashtag ‪#‎VacciniAmoLaCultura‬.
[Lo Staff]

giovedì 12 maggio 2016

Ouverture #24: American Sniper di Chris Kyle, Scott McEwen, Jim De Felice

Una foto pubblicata da Mik (@meekhayla) in data:

Fine marzo 2003. Zona di Nassiriya, Iraq
Guardai attraverso il mirino del fucile di precisione, passando in rassegna la strada della cittadina irachena sotto di me. A cinquanta metri di distanza, una donna aprì la porta di una casupola e uscì con il figlio.
Per il resto, la strada era deserta. Gli abitanti se ne stavano rintanati, per lo più terrorizzati. Qualche anima curiosa sbirciava da dietro le tende, in attesa. Sentivano il rombo dell'unità americana in avvicinamento. I Marine si riversavano lungo la strada, marciando verso nord per liberare il paese da Saddam Hussein.
Il mio compito era di proteggerli. Il mio plotone aveva occupato di soppiatto l'edificio qualche ora prima e si era messo in posizione per fornire una copertura e impedire al nemico di tendere imboscate ai Marine mentre passavano.

mercoledì 11 maggio 2016

American Sniper di Chris Kyle, Scott McEwen, Jim De Felice

Una foto pubblicata da Mik (@meekhayla) in data:


American Sniper
Autobiografia del cecchino più letale della storia americana

Trama: Tra il 1999 e il 2009 Chris Kyle, membro dei Navy SEAL degli Stati Uniti, ha fatto registrare il più alto numero di uccisioni a opera di uno sniper di tutta la storia militare americana. I suoi compagni d'armi, che ha protetto con precisione letale durante la guerra in Iraq, lo chiamavano «la Leggenda». Per i nemici, invece, era semplicemente al-Shaitan, il diavolo. American Sniper è l'autobiografia di un guerriero che non nasconde la drammaticità dell'esperienza bellica, il dolore inflitto e patito, l'opacità degli interessi politici ed economici in gioco. Sopravvissuto a battaglie, imboscate e trappole di ogni genere, Chris Kyle troverà prematuramente la morte per mano di un giovane veterano. Avvincente e indimenticabile, il suo magistrale racconto è diventato una sorta di testamento postumo, destinato a restare come uno dei più grandi memoir bellici dei nostri tempi.
Autore: Chris Kyle, Scott McEwen, Jim De Felice
Pubblicazione: Ottobre 2015
Titolo originale: American Sniper: The Autobiography of the Most Lethal Sniper in U.S. Military History
Numero di pagine: 368
Editore: Mondadori
ISBN: 9788866211112
Prezzo: 12,75 €

venerdì 6 maggio 2016

Ouverture #23: Divergent di Veronica Roth

Una foto pubblicata da Mik (@meekhayla) in data:

C'è un solo specchio a casa mia, dietro un pannello scorrevole nel corridoio al piano di sopra. Secondo le regole della nostra fazione, mi è permesso starci davanti una volta ogni tre mesi, il secondo giorno del mese, quello in cui mia madre mi taglia i capelli.
Mi siedo su uno sgabello e mamma, in piedi dietro di me, li accorcia con le forbici. Le ciocche cadono a terra formando un anello biondo cenere.
Quando finisce, mi raccoglie i capelli dietro la testa e li avvolge formando un nodo. La osservo: appare calma e concentrata. È molto esperta nell'arte di dimenticarsi di sè. Non posso dire lo stesso di me.

mercoledì 4 maggio 2016

Divergent di Veronica Roth

Una foto pubblicata da Mik (@meekhayla) in data:


Divergent

Trama: Dopo la firma della Grande Pace, Chicago è suddivisa in cinque fazioni consacrate ognuna a un valore: la sapienza per gli Eruditi, il coraggio per gli Intrepidi, l'amicizia per i Pacifici, l'altruismo per gli Abneganti e l'onestà per i Candidi. Beatrice deve scegliere a quale unirsi, con il rischio di rinunciare alla propria famiglia. Prendere una decisione non è facile e il test che dovrebbe indirizzarla verso l'unica strada a lei adatta, escludendo tutte le altre, si rivela inconcludente: in lei non c'è un solo tratto dominante ma addirittura tre! Beatrice è una Divergente, e il suo segreto - se reso pubblico - le costerebbe la vita. Non sopportando più le rigide regole degli Abneganti, la ragazza sceglie gli Intrepidi: l'addestramento però si rivela duro e violento, e i posti disponibili per entrare davvero a far parte della nuova fazione bastano solo per la metà dei candidati. Come se non bastasse, Quattro, il suo tenebroso e protettivo istruttore, inizia ad avere dei sospetti sulla sua Divergenza...
Autore: Veronica Roth
Pubblicazione: Dicembre 2014
Titolo originale: Divergent
Numero di pagine: 480
Editore: DeAgostini
ISBN: 9788851127190
Prezzo: da 5,87 €

domenica 1 maggio 2016

Ouverture #22: Marina di Carlos Ruiz Zafón

Una foto pubblicata da Mik (@meekhayla) in data:

Una volta Marina mi disse che ricordiamo solo quello che non è mai accaduto. Sarebbe trascorsa un'infinità di tempo prima che potessi comprendere quelle parole. Ma è meglio che cominci dall'inizio, che in questo caso è la fine.
Nel maggio del 1980 sparii dal mondo per una settimana. Per sette giorni e sette notti nessuno seppe dov'ero finito. Amici, colleghi, insegnanti e persino la polizia si lanciarono alla ricerca di quel fuggiasco che alcuni credevano già morto, o smarrito nelle strade malfamate della città in preda a un attacco di amnesia.

LWL