martedì 26 luglio 2011

Voglio un tatuaggio-aggio-aggio...

by ~ReighnMiyuki
Titolo da leggere sulle note di Volevo un gatto nero, nero, nero mi raccomando!

Desidero tanto un tatuaggio. Fino alla 5° elementare facevo quelli trasferibili, quelli che, con un po' d'acqua, passavano dalla carta alla pelle in un attimo (e altrettanto velocemente iniziavano a rovinarsi e staccarsi). Non so quante bustine ci ho comprato, rinunciando alle figurine (che erano quelle dell'album di animali o quelle di Sailor Moon, non ricordo). Poi alle medie ho deciso che era meglio non usarli più e alle superiori ho iniziato a desiderarne uno vero. Ancora non ho smesso. Il mio tattoo ideale è un lupo, in bianco e nero, non troppo grande (non mi piacciono troppo vistosi) e che non sia troppo in stile tribale o anime/cartoon. Quindi niente Wolf's Rain, per esempio, anche se lo adoro quell'anime. Quello nell'immagine che ho inserito ad inizio post mi piace tantissimo, ma penso che perderebbe molto della sua bellezza togliendo quelle bellissime sfumature azzurre e grigie. Ho fatto un giro su DeviantArt e ho trovato disegni per tatuaggi meravigliosi. 




Gli altri che mi piacciono da morire sono questi (cliccate sui link per vederli nella dimensione originale), dal più bello:




Si chiama Solar System Wolf ed è di CaptainMorwen. Farlo in bianco e nero è semplicemente un crimine, quindi esce fuori dalla lista dei papabili in automatico, ma dovevo farvelo vedere perchè secondo me è il più bello di tutti!






Al secondo posto c'è Rebellious Tribal Wolf Tattoo di WildSpiritWolf. Non metto nessuno anteprima perchè l'autore specifica chiaramente di non ridistribuire l'immagine da nessuna parte. Ma vi garantisco che è splendido e potrei fare questo!









Medaglia di bronzo per To the Stars di CaptainMorwen (eh sì, ancora lui!). Anche questo mi attira parecchio, ma se la scelta cade su questo lo farò senza le stelline.







Al quarto posto Squall Tattoo Concept, sempre di CaptainMorwen. Qui però specifica di non re-distribuire l'immagine, quindi vi lascio il link. Anche questo ha le stelline che io rimuoverò nel caso decidessi di fare questo.






Chiude la Top 5 Creeping Wolf Tribal Tattoo di Tofu123. Mi piacciono un sacco la testa e la coda, ma è un esempio di quei tatuaggi che sono "troppo tribali" per i miei gusti. Quindi è quello che ha meno probabilità di finire sulla mia pelle.






Purtroppo ai miei non va troppo a genio la cosa. Mia madre ogni volta storce il naso ma il massimo dell'opinione è L'importante è che non sia troppo grande, mentre mio padre, quando ai tempi delle superiori gli dissi di questo mio desiderio, mi rispose che Per me non ci sono problemi, ma io i soldi non te li dò, che è una cosa che mi è rimasta impressa, è un modo molto comico per osteggiarmi XD In più fino all'anno scorso dovevo anche farmi un paio d'ore di treno per andare da un tatuatore molto bravo: dove abito io non ce n'erano fino a un anno fa, nè bravi nè incapaci! In più, per quanto riguarda il treno, mi tratteneva il ritorno: come mi sentirò dopo aver fatto il tatuaggio? Sicuramente soddisfatta, ma non è che poi quando finalmente ho finito mi rilasso tanto da rischiare di svenire per strada? Chi già ne ha fatto uno mi ha detto di no e di stare tranquilla, però boh... In ogni caso, adesso uno qua da me c'è e spero per Natale di farmi questo regalino!!!

Aggiornamento: Tattoo fatto!

giovedì 14 luglio 2011

Marble Nail Art

Fonte foto
Una mia amica ha incominciato a interessarsi alla Nail Art e dopo aver visto unghie decorate in modo a dir poco fantastico, ha iniziato a cercare qualche indicazione su come farsele da sola. Ovviamente su Youtube c'è solo l'imbarazzo della scelta e ieri pomeriggio ne ha messo uno in pratica. Per essere la prima volta, gli sono venute veramente bene! Non posso mettere foto perchè se no mi uccide XD Insomma, ieri sera le ho viste dal vivo e mi sono piaciute veramente tanto, al punto che ho deciso di provarci! Sì, proprio io che con gli smalti mi son sempre frequentata pochissimo... La tecnica è abbastanza semplice, in fin dei conti si usano due o più colori e poi con l'astina si fanno le righe, le spirali, disegni vari. Come prevedevo, io ho fatto un casino immane e sono anche venute un obbrobrio. Sono stata anche capace di incazzarmi, pensa te! Non so se erano gli smalti che ormai non erano più buoni o se la mia proverbiale delicatezza da elefante ha avuto il suo peso... personalmente, tendo per entrambe le cose, anche se con lieve tendenza alla seconda. Ormai mi conosco. Probabile che tornerò al mio collaudato uncinetto e al Fimo che contro ogni previsione riesco a maneggiare un po' (e in ogni caso non arrivo al livello Schifezza Immane raggiunto oggi con gli smalti).

Per chi volesse provare e divertirsi un po', vi lascio uno dei tutorial semplici che ho guardato. Se andate sulla pagina Youtube la ragazza che ha fatto il video ha messo nella descrizione anche un po' di link utili.


- Kyra -

domenica 10 luglio 2011

Per essere sempre aggiornati sui nuovi post!

Ok, questo blog è abbastanza nuovo e ancora si fanno pochi post al giorno... ma se nonostante questo comincia a piacervi, vi ispira simpatia o per qualunque altro motivo volete tenerlo d'occhio non dovete far altro che iscrivervi alla mia pagina Facebook: Libri & Uncinetto! Ogni post pubblicato viene immediatamente condiviso su Facebook! Inoltre, in bacheca potrete dare suggerimenti, fare critiche oppure segnalare eventi, fatti strani, argomenti... qualunque cosa (per gli scambi link invece leggete la pagina Amici)! Comodo, no? Allora forza, un semplice "Mi piace" e sarete sempre super aggiornati! Vi aspetto numerosi!!!

- Kyra -

domenica 3 luglio 2011

[Libri] Dolphin Music

Questo è l'ultimo dei quattro libri che dovrò portare al prossimo esame di inglese, nonchè il mio preferito tra essi. Il titolo è Dolphin Music e l'autrice è Antoinette Moses. Fa parte della collana Cambridge English Readers, una serie di libri originali scritti specificatamente per chi vuole imparare l'inglese. Suddivisi in 7 livelli (da principiante ad avanzato), presentano letture piacevoli che affrontano una vasta serie di argomenti contemporanei.
Tutti sono disponibili anche corredati di CD, per ascoltare la pronuncia.

Dolphin Music è classificato al livello 5, cioè Upper Intermediate (B2 per il CEF, FCE per l'ESOL). La registrazione audio è su 3 CD.

Trama
Europa, 2051. Sono tutti felici nella realtà virtuale creata, gestita e soprattutto controllata dal CONTROL, l'ente che governa l'Europa. Questo è un mondo dove fa troppo caldo per stare all'aperto e dove una musica stupenda è creata dai delfini. E' un mondo che cambia per sempre quando Saul Grant scopre, suo malgrado, che cosa fa cantare i delfini e viene coinvolto nella loro liberazione dal PACE, un'organizzazione che si oppone a CONTROL. 

Questo è quello che, tra tutti e quattro, mi è piaciuto di più. Ricorda molto 1984 di Orwell, anche se ovviamente non ha la stessa complessità nè la stessa atmosfera. Secondo me, il punto debole più importante sta nel modo un po' troppo semplice in cui appena due persone riescono a liberare gli 8 delfini prigionieri. 

Kyra

venerdì 1 luglio 2011

[Libri] The Sugar Glider


Terzo dei quattro libri del mio prossimo esame di inglese. Il titolo è The Sugar Glider e l'autore è Rod Neilsen. Fa parte della collana Cambridge English Readers, una serie di libri originali scritti specificatamente per chi vuole imparare l'inglese. Suddivisi in 7 livelli (da principiante ad avanzato), presentano letture piacevoli che affrontano una vasta serie di argomenti contemporanei.
Tutti sono disponibili anche corredati di CD, per ascoltare la pronuncia.

The Sugar Glider è classificato al livello 5, cioè Upper Intermediate (B2 per il CEF, FCE per l'ESOL). La registrazione audio è su 2 CD.

Trama
Un pilota, Don Radcliffe, torna in Australia per trascorrere più tempo con sua figlia e la sua ex-moglie. Lì un suo amico, Paul Coperman, gli offre un lavoro: volare per il Governo da Brisbane a Melbourne su un cargo, chiamato Sugar Glider. Ma in uno dei viaggi il motore ha un guasto e l'aereo precipita, uccidendo Paul.  Così Don deve sopravvivere in una parte molto inospitale dell'Australia; inoltre scopre che il guasto al motore non è stato un incidente e che in realtà trasportava dell'uranio. Inizia a pensare che non lavorasse per il Governo e cerca di tornare a Brisbane.

Un bel libro d'avventura, anche se in alcuni punti è un po' prevedibile.

Kyra

LWL