lunedì 23 novembre 2015

Come si leggono gli schemi per l'uncinetto?

Torna l'inverno e rimetto mano all'hobby che mi ha spinto ad aprire questo blog (anche se nel tempo poi si è modificato). Ripartiamo con un'utilissima legenda!

[fonte]

domenica 15 novembre 2015

Jane Eyre di Charlotte Brontë


Jane Eyre

Trama: La storia romantica di una modesta e poco appariscente istitutrice che, con il suo fascino discreto e la sua forza di carattere, riesce a conquistare il tenebroso e avvenente signore di Rochester, la cui giovane figlia è affidata alle sue cure. Jane Eyre è unanimamente considerato il capolavoro di Charlotte Brontë. In esso tutti gli eventi e i comportamenti dei personaggi sono in funzione delle svolte psicologiche della protagonista, e quindi, per la riconosciuta valenza autobiografica, della stessa autrice. Rilevanti nel romanzo sono l'immediatezza della narrazione e la capacità di suscitare una curiosità costante per lo sviluppo dell'azione. Mai nella narrativa inglese una donna aveva manifestato e scritto apertamente del suo desiderio per un uomo: Jane-Charlotte racconta invece la sua irresistibile passione per un uomo sposato, e non ha vergogna ad ammetterlo nel suo diario. [da IBS]
Autore: Charlotte Brontë
Titolo originale: Jane Eyre
Pubblicazione: 2012
Editore: Crescere
ISBN: 9788883371479

sabato 14 novembre 2015

Ti sei mai chiesto

Prima di taggarmi in cose che dicono che quello che faccio è inutile, ti sei mai chiesto se è veramente necessario rifare il letto ogni mattina? Stirare i vestiti? Fare figli? Fare sesso fine a se stesso? Avere un cane? o un gatto? Lavorare invece di parassitare uno Stato assistenzialista? Avere facebook? Fissare il soffitto? Non fissare il soffitto? Cucinare? Vestirsi con cose che piacciono? O che non ti piacciono? Comprare cioccolatini? Mettere i calzini? Dire le proprie opinioni sapendo che non cambieranno il corso delle cose? Perché continui a commentare il Fatto Quotidiano? Cosa ti cambia se Morandi non ti risponde?

In definitiva, ti sei mai chiesto/a qual è il senso della tua vita? O della mia, se preferisci. O della nostra. Da un punto di vista universale, intendo.

Quando avrai una risposta, allora puoi chiedermi tranquillamente qual è il senso delle cose che mi riguardano.

Un abbraccio morandiano.
(un po' meno vero, ma con le tette)

[Giulia Corsini]

venerdì 13 novembre 2015

Ai posteri l'ardua sentenza

A parte l'idiozia di questi soggetti, che continua a volare dritta verso l'alto in verticale (e prima o poi si scontrerà con le famigerate scie chimiche), rimane sempre la solita domanda a cui non rispondono mai, ma che sarebbe la chiave di volta di tutto il complottismo: "Se le notizie riportate sono notizie segretissime che vengono censurate e occultate, se sono , e se chi le pubblica viene oscurato e minacciato, COME MAI LE PAGINE DI MERDA TIPO 'NOCENSURA' CONTINUANO AD ESISTERE E NON VENGONO OCCULTATE? Come mai i loro admin non vengono sequestrati dagli agenti segreti del NWO, portati in un vecchio bunker antiatomico, e picchiati con calzini di spugna contenenti patate finché non giurano di non farlo più?". No, veramente. Se tutti i media sono controllati e corrotti dai poteri, come fanno questi soggetti a postare tranquillamente i complotti SEGRETISSIMI nelle loro pagine facebook? Ai posteri l'ardua sentenza.


[Nicola Ragazzini]

giovedì 12 novembre 2015

Cats #2

I gatti disprezzano la parola.

Una foto pubblicata da Mik (@meekhayla) in data:



martedì 10 novembre 2015

La danza del gabbiano di Andrea Camilleri


La danza del gabbiano

Trama: Prima di morire i gabbiani agitano freneticamente le ali in una sorta di danza macabra. Montalbano si lascia incantare dal gabbiano morente dalla finestra della sua casa di Marinella, ma fa presto a dimenticarlo. Sta infatti per andare in vacanza con Livia che è già giunta a Vigàta. Solo un salto al commissariato per lasciare tutto in ordine e poi finalmente partire. Giunto in ufficio Montalbano chiama i suoi a raccolta. Manca solo Fazio, il più fedele e puntuale dei suoi uomini. Non è tornato a casa, il cellulare è muto; il timore diventa allarme. Il commissario ripercorre le più recenti tracce di Fazio: è stato visto per l'ultima volta al molo. aveva appuntamento con un vecchio compagno di scuola, un ex ballerino finito nei pasticci. Qualcuno poi l'ha notato in campagna, in una zona disseminata di pozzi artesiani, forse un cimitero di mafia. E in effetti un primo cadavere affiora...
Autore: Andrea Camilleri
Pubblicazione: 2009
Editore: Sellerio 
ISBN: 9788838923852

LWL